Guardare al futuro con antichi valori

Il Lionismo affronta il suo secondo secolo di vita animato da grande impegno e obiettivi ambiziosi. Per raggiungerli è necessario un Distretto sempre più efficiente e vicino ai Club. Un Distretto che offra ai Club supporto pratico, soluzioni pronte ed efficaci, capacità di generare grandi progetti di servizio. Un Distretto che ascolti i Club per risolvere i loro problemi. Un Distretto impegnato a dare continuità alle iniziative in essere, in un’ottica strategica di miglioramento continuo nel medio-lungo periodo.

Fabrizio Sciarretta

Le idee

Distretto: Una casa di vetro

Avremo una gestione amministrativa trasparente, comunicando sul web e ai soci le decisioni del Gabinetto del Governatore, del Consiglio dei Governatori, della Sede Centrale e del DG Team...


La Squadra del Distretto:

La Squadra del Distretto (cioè “l’Organigramma”) deve essere la Squadra di tutti i Soci. Una squadra coesa e scevra da personalismi che sappia attuare quello che...



Informazione e formazione:

E’ necessario che gli Officer di Distretto abbiano sufficiente esperienza per offrire supporto ai Club nelle loro aree di responsabilità. Dedicheremo loro attività formative ad hoc...


Comunicazione:

Il Distretto avrà un Ufficio Stampa dedicato a supportare i club nelle attività di comunicazione. Nel contempo, farà tesoro delle informazioni provenienti dai Club per diffondere le notizie...



Confrontarsi per Crescere


Il motto We Serve condensa in sé ogni obiettivo e programma lionistico. Ciò non toglie che un candidato a officer di Club o Distretto possa presentare proposte specifiche che abbiano la finalità di accrescere la nostra capacità di servire. Questo il senso del “programma” che trovate qui a fianco. Ma a cosa servirebbe un programma se non fosse condiviso con tutti coloro con i quali si lavorerà per metterlo in pratica? A nulla. Sarebbe solo un controproducente esercizio di autoreferenzialità. Ecco perché vi prego di leggerlo e di trovare il tempo per parlarne: solo dal contributo di tutti potrà nascere un programma condiviso ed efficace. Sono a vostra disposizione e mi auguro di vedervi o sentirvi numerosi.


Il Potere del Noi: Lions, gente capace di cambiare il mondo

Duecento milioni di persone servite nei tre anni della “Sfida del Centenario” sono un risultato che ci lascia tutti orgogliosi.

Ma le sfide per noi Lions non sono finite qui. Anzi, proprio da qui iniziano per raggiungere traguardi di servizio ancora più ambiziosi.

Avere a cuore il bene e il futuro dell’Umanità: questa è l’essenza del nostro essere Lions. Ed è un sentimento che ognuno di noi coniuga secondo le sue inclinazioni impegnandosi nel vasto mondo dei progetti di servizio Lions.

Per carattere, non sono uno che si tira indietro, anzi, amo rimboccarmi le maniche e darmi da fare in prima persona.

Ma proprio il Lionismo mi ha insegnato che da solo non posso andare lontano, che il nostro è un lavoro di squadra e che dobbiamo porre la massima attenzione sui sentimenti che reggono questa squadra.

L’affiatamento, il supporto, il volerci bene è quello che serve: qualcuno la chiama anche “Amicizia Lionistica”. E’ quel sentimento che lega donne e uomini che si battono per un fine comune: un mondo migliore.

Ma questo sentimento è anche quello che garantisce la buona salute dei nostri Club.

Dunque, accrescere i vincoli dell’Amicizia deve essere in cima alle preoccupazioni di un (candidato) Governatore. Ed è dalla forza dell’Amicizia Lionistica che discende il Potere del Noi: è un circolo virtuoso.

Se riusciamo a mantenere vivo questo sentimento in quel momento siamo veramente Lions: gente capace di cambiare il mondo.